Le specialità gastronomiche di Formentera

Mare, spiagge, natura. Ma anche tanto buon cibo e prodotti tradizionali. Perché visitare Formentera è un’esperienza multisensoriale difficilmente rintracciabile in altri luoghi. Qui, ogni nostro senso viene magicamente coinvolto: la vista con gli scenari mozzafiato, l’udito grazie alla musica di artisti locali, il tatto attraverso le spiagge finissime, l’olfatto con l’odore del mare e infine il gusto, merito della cucina tipica della più piccola delle Baleari. Una cucina che è strettamente legata al modo di vivere tradizionale, fortemente segnata dal legame con il mare e l’agricoltura della terraferma.

L’enogastronomia di Formentera, infatti, si caratterizza da un uso quasi totale dei prodotti locali, condizionata dalle isolamento delle isole Pitiusas (di cui Formentera fa parte insieme a Ibiza). Questa carenza di prodotti, combinata con la creatività e l’utilizzo di materie prime di alta qualità, dà luogo a ricette tradizionali in cui a dominare sono pesce, verdure, olive e il vino pagès, un rosso tipico dell’isola.

Oltre alla nota paella, i piatti tipici comprendono: l’insalata payesa con il famosissimo peix sec, pesce essiccato molto usato e apprezzato; il polpo fritto; il sofrit pagès (carne e patate); i calamars a la bruta (calamari fritti nel proprio inchiostro) o il bullit de peix (stufato di pesce con patate). Altre ricette tradizionali sono: l’arroz marinera, ovvero un risotto con il sugo ai frutti di mare, il risotto con la carne, il guisat de peix, l’arroz de matances, il bollit d’ossos e la sa frita de matances, tutti piatti assolutamente squisiti e gustosi. Da sottolineare come la tradizione culinaria dell’isola vuole che pasta e pane siano fatti rigorosamente in casa.

Per quanto riguarda i dolci anche essi sono fatti esclusivamente con ingredienti caserecci. Da provare i bunyols, dolcetti fritti con il succo d’arancia, oppure le orelletes, realizzate con pasta sfoglia e zucchero a velo. Tra i dessert il più caratteristico è forse la Flaó, una torta di formaggio fresco con menta consumata soprattutto durante le festività pasquali. Il tutto, naturalmente, viene accompagnato da vini e liquori prodotti a Formentera. I principali vigneti della zona, quasi tutti collocati nei dintorni del Monte Mola nell’entroterra dell’isola, hanno antenati antichissimi. Fin dal XIII secolo, infatti, i monaci eremiti cominciarono a dare avvio alla coltivazione di pregiate tipologie di vite che ancora oggi sopravvivono nelle tipiche qualità locali di uva rossa come il monastrell e il tempranillo, dal gusto forte e vivace. Molti anche i ristoranti e le locande pronte a deliziarvi con le loro specialità.

E se siete indecisi da quali piatti iniziare, il consiglio è: provateli tutti.